Naming: verifica la disponibilità prima

18 gennaio 2017 , In: Web marketing
0
Naming: verifica la disponibilità prima

Sembra banale. Forse lo è.

Un consiglio per chi sta cercando il nome (naming) di un sito, di un’azienda, di un prodotto, di un servizio, di un negozio… è quello di verificare se è disponibile.

 

Naming, verifica la disponibilità usando un unico sito internet

Verificare non significa solo controllare sul Registro delle imprese o chiedere ad una delle Camere di commercio se è possibile registrare un nome d’azienda. O all’ufficio brevetti per un prodotto o servizio.

Bisogna anche sapere se sono disponibili i domini per costruire il/i sito/i (www.miaazienda.it).
Ed è importante anche scoprire se i nomi che stiamo ipotizzando sono o meno occupati sui vari social network. Per evitare casi di omonimia di account.

Esistono strumenti online che aiutano in queste operazioni.
Uno fra questi è Namechk.

 

Namechk: NAMECHecK

Impronunciabile. Non è esattamente un ottimo esempio di naming. 😀
Però lo strumento è molto interessante.

Si digita il nome che vogliamo verificare (no simboli e no spazi) e si verifica in un solo click

  • che domini sono disponibili:

namechk e trovare nome azienda o nome sito

  • e che account social non sono occupati, ad oggi:

nomi liberi per sito

In questo modo diventa veramente rapido ipotizzare che nomi possono interessarci e verificare il nome del sito, dell’azienda o del progetto in un solo click.

 

 

Come scegliere il nome?

Pennamontata dà qualche interessante spunto su come scegliere un nome.
Interessante l’approccio del CO.ME.OR.G.O.

  • CO. Corto;
  • ME. Memorizzabile;
  • OR. Originale;
  • G. Gradevole;
  • O. Orecchiabile.

Sempre nello stesso articolo, si narra che Marco Fossati abbia trovato diversi nomi usando l’Atlante: intercettando nomi di paesini sperduti e cambiando lettere, sillabe o accorpando nomi.

 

Naming di un sito web o di un prodotto e posizionamento sui motori di ricerca

È, forse, superfluo far notare che, oltre alla disponibilità, potrebbe esser utile fare anche un’analisi selle SERP dei motori di ricerca di riferimento.

Esempio

Se siamo in Italia, la nostra fabbrica produce scarpe e dobbiamo trovare un nome per la nostra impresa è bene fare una ricerca con Google.it.

Chiamarla Scarpe e… può sembrare una buona idea.
Ma ci sono 3 “ma”.

  1. Conoscere i competitor è molto importante. Cercando su Google mi accorgo subito che potrei venir confuso con un brand già molto conosciuto. Quindi mi sarebbe più difficile rendere riconoscibile o far trovare il mio marchio, perchè le SERP del motore di ricerca sono già occupate da quest’altro brand, che ha acquisito lustro e visibilità.i competitor nella scelta del nome
  2. Cerco domini e disponibilità dei nomi account sui social network ma, essendoci uno spazio nel nome (Scarpe spazio e), devo decidere come gestirlo.
    Usare il simbolo meno, anche chiamato trattino, nel dominio del sito? Si può, ma poi non è usabile nel nome account dei social network!Invalid format del naming azienda o sito
  3. Decido che il mio nome Scarpe e… nel dominio e nei social sarà scarpee? Ok.
    I domini sono liberi (ho controllato con Namechk!).
    Ma non tutti i social network lo sono. Quindi non potrò usare un unico nome, meglio ricordabile se è sempre lo stesso, su tutti i social.

Naming disponibilità social

 

Questi tre casi sopra sono tre ottimi motivi per considerare un altro nome per la mi attività.

Queste sono solo alcune delle primissime riflessioni, quando si deve fare naming.

 

There are no comments yet. Be the first to comment.

Scrivi qualcosa a riguardo